Radici Riserva 2006 - Mastroberardino - Taurasi DOCG

Radici Riserva 2006 - Mastroberardino - Taurasi DOCG Espandi

Annata
2006

Nazione
Italia

Alcol
13,5%

Tipologia
Rosso fermo

Formato
75cl

Radici Riserva 2006 - Mastroberardino - Taurasi DOCG

Nuovo

Azienda: Mastroberardino

Radici, prodotto per la prima volta nel 1986, costituisce il risultato di una ricerca lunga ed accurata riguardante esposizione, composizione chimico-fisica e giacitura dei terreni. Il maggior nerbo, la densa struttura, la concentrazione aromatica rappresentano i caratteri più evidenti di questo interprete prestigioso della viticoltura irpina.

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

34,00 €

tasse incl.

Premi e riconoscimenti

Caratteristiche

Annata2006
NazioneItalia
ProvenienzaCampania
Alcol13,5%
DenominazioneTaurasi DOCG
Vitigno100% Aglianico
TipologiaRosso fermo
Formato75cl
Premi Wine Spectator Top 100 Wines

Dettagli

Il Riserva Radici si presenta alla vista con un color rosso rubino intenso, al naso offre un bouquet ampio, complesso, intenso e particolarmente fine con caratteri che ricordano tabacco, spezie, ciliegia, frutti di bosco, prugna e note balsamiche. Avvolgente ed elegante in bocca, con aroma di prugna, ciliegia amara, confettura di fragole, pepe nero e liquirizia.

Scheda tecnica

Annata2006
NazioneItalia
ProvenienzaCampania
Alcol13,5%
DenominazioneTaurasi DOCG
Vitigno100% Aglianico
TipologiaRosso fermo
Formato75cl
Premi Wine Spectator Top 100 Wines

Brand

La tradizione costituisce un valore nella misura in cui rappresenta un vincolo di coerenza, di credibilità rispetto alle decisioni che volta a volta vengono assunte.


La famiglia Mastroberardino vive il contesto socioculturale vitivinicolo da oltre due secoli, in base alle più attendibili ricostruzioni storiche. Le prime tracce della presenza in Irpinia risalgono al catasto borbonico, a metà del Settecento, epoca in cui la famiglia elesse il villaggio di Atripalda a proprio quartier generale, ove sono tuttora situate le antiche cantine, e di lì ebbe origine a una discendenza che legò indissolubilmente le proprie sorti al culto del vino. Dieci generazioni, da allora, hanno condotto le attività di famiglia, tra alterne vicende, come sempre accade nelle storie delle imprese familiari di più antica origine.


Le tenute di famiglia sono localizzate in Irpinia, culla di tre DOCG: Greco di Tufo, Fiano di Avellino e Taurasi, distribuite nelle varie aree del territorio con l’obbiettivo di preservarne l’identità ed assicurare la salvaguardia prima, la continuità e lo sviluppo poi, della viticultura autoctona. Questa è da sempre la missione dell’azienda, a difesa dei valori vitivinicoli tradizionali, con occhio attento all’innovazione e all’interpretazione moderna dei propri vini, in una sapiente sintesi tra il carattere e lo stile della cultura antica e le più avanzate tecnologie qualitative. 


La famiglia Mastroberardino è rimasta pressoché sola in Irpinia a difendere questo patrimonio sino agli anni Novanta del Novecento. Se oggi i vini di questo territorio sono definitivamente legittimati nel novero delle più esclusive e rinomate produzioni mondiali, ciò si deve alla costanza e all’enorme contributo di cultura di Antonio Mastroberardino, che ha saputo rappresentare in maniera magistrale la giunzione tra le radici del mondo antico e la sete inesauribile di conoscenza dell’uomo.

Recensioni clienti

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Informazioni sul produttore: Mastroberardino

La tradizione costituisce un valore nella misura in cui rappresenta un vincolo di coerenza, di credibilità rispetto alle decisioni che volta a volta vengono assunte.

La famiglia Mastroberardino vive il contesto socioculturale vitivinicolo da oltre due secoli, in base alle più attendibili ricostruzioni storiche. Le prime tracce della presenza in Irpinia risalgono al catasto borbonico, a metà del Settecento, epoca in cui la famiglia elesse il villaggio di Atripalda a proprio quartier generale, ove sono tuttora situate le antiche cantine, e di lì ebbe origine a una... Continua a leggere

Accetta

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Leggi di più.