Barbaresco DOCG "Asili" Riserva 2014 - Bruno Giacosa

Nuovo Barbaresco DOCG "Asili" Riserva 2014 - Bruno Giacosa Espandi

Annata
2014

Nazione
Italia

Alcol
13,5%

Tipologia
Rosso fermo

Formato
75cl

Barbaresco DOCG "Asili" Riserva 2014 - Bruno Giacosa

Nuovo

Azienda: Bruno Giacosa

Etichetta mitica, quella "rossa" di Giacosa. Riserva del grande Barbaresco Asili, prodotta solo nelle annate grandiose. Vinificato con uve nebbiolo in purezza vendemmiate esclusivamente nel rinomato cru Asili, la Riserva, dopo la fermentazione, segue una lunga sosta in botti grandi e bottiglia.

Maggiori dettagli

6 Articoli

290,00 €

tasse incl.

Premi e riconoscimenti

Caratteristiche

Annata2014
NazioneItalia
ProvenienzaPiemonte
Alcol13,5%
DenominazioneBarbaresco DOCG
Vitigno100% Nebbiolo
TipologiaRosso fermo
Formato75cl

Dettagli

Calice color rosso granato scarico. Naso espressivo, mostra una tavolozza di profumi fatta di mille colori: petali di rosa rossa macerati, amarena, mirtillo e mora, salvia e rosmarino, con rimandi agrumati. Bocca di finezza spiazzante. Profumi intensi, scandagliati eppur delicati nell'esprimersi. Sorso ricco, completo e armonico nella struttura e al contempo un sorso in grado di richiamare nuovi profili e nuove emozioni nel tempo. Immenso.

Scheda tecnica

Annata2014
NazioneItalia
ProvenienzaPiemonte
Alcol13,5%
DenominazioneBarbaresco DOCG
Vitigno100% Nebbiolo
TipologiaRosso fermo
Formato75cl

Brand

La storia di Bruno Giacosa parte da molto lontano: una storia di sacrifici e di grandi vini. Tutto comincia durante la Seconda Guerra Mondiale, quando Bruno, appena quindicenne, abbandona gli studi e comincia a lavorare accanto al padre Mario, nella cantina fondata dal nonno Carlo nel 1900. Ricordando quei primi momenti Bruno ha recentemente raccontato: "allora ero un ragazzo, e quindi non bevevo vino, però ho avuto subito un buon naso, nel senso che ho capito che facendo attenzione agli aromi che escono prima mangiando l’uva in tempo di vendemmia, poi assaggiando il mosto in fermentazione, e quindi il vino, si possono capire quasi tutte le cose che servono".


Passione ed entusiasmo animano Bruno che impara con umiltà tutti i segreti del mestiere. Inizialmente la cantina della famiglia Giacosa vinifica solo uve acquistate dai conferitori, scelti tra i migliori produttori delle Langhe. Ma sarà solo nel 1982, con l’acquisto da parte di Bruno del vigneto Falletto a Serralunga, che inizierà la produzione del prestigioso Barolo Falletto; nel 1996 acquisterà i cru Asili e Rabajà, ormai conosciutissimi in quanto danno vita ad indimenticabili Barolo e Barbaresco.


L'amore di Bruno Giacosa per i grandi vini e la sua meticolosa ricerca della perfezione non ammettono deroghe: la qualità deve essere assoluta. Se, per esempio, la vinificazione di un'annata non soddisfa i suoi criteri, il vino non si imbottiglia! Solo grazie ad un approccio virtuoso e tradizionale in vigna e in cantina e a questa rigida selezione i vini di Bruno Giacosa si dimostrano sempre sublimi e incomparabili, conosciuti in tutto il mondo e salutati dagli esperti e dai critici come tra le migliori espressioni delle Langhe.

Recensioni clienti

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Barbaresco DOCG "Asili" Riserva 2014 - Bruno Giacosa

Barbaresco DOCG "Asili" Riserva 2014 - Bruno Giacosa

Informazioni sul produttore: Bruno Giacosa

La storia di Bruno Giacosa parte da molto lontano: una storia di sacrifici e di grandi vini. Tutto comincia durante la Seconda Guerra Mondiale, quando Bruno, appena quindicenne, abbandona gli studi e comincia a lavorare accanto al padre Mario, nella cantina fondata dal nonno Carlo nel 1900. Ricordando quei primi momenti Bruno ha recentemente raccontato: "allora ero un ragazzo, e quindi non bevevo vino, però ho avuto subito un buon naso, nel senso che ho capito che facendo attenzione agli aromi che escono prima mangiando l’uva in tempo di vendemmia, poi assaggiando il mosto... Continua a leggere

Accetta

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Leggi di più.