Spumante Ribolla Gialla Brut 2013 - Eugenio Collavini

Spumante Ribolla Gialla Brut 2012 - Eugenio Collavini Espandi

Annata
2013

Nazione
Italia

Alcol
12%

Tipologia
Bianco spumante metodo charmat brut

Formato
75cl

Spumante Ribolla Gialla Brut 2013 - Eugenio Collavini

Nuovo

48 Articoli

18,00 €

tasse incl.

Premi e riconoscimenti

Caratteristiche

Annata2013
NazioneItalia
ProvenienzaFriuli Venezia Giulia
ZonaCorno di R. e Manzano
Alcol12%
DenominazioneVSQ
Vitigno100% Ribolla Gialla
TipologiaBianco spumante metodo charmat brut
Formato75cl

Scheda tecnica

Annata2013
NazioneItalia
ProvenienzaFriuli Venezia Giulia
ZonaCorno di R. e Manzano
Alcol12%
DenominazioneVSQ
Vitigno100% Ribolla Gialla
TipologiaBianco spumante metodo charmat brut
Formato75cl

Brand

La storia dei Collavini inizia a Rivignano nel 1896. Eugenio, il fondatore, forniva vini alle famiglie nobili di Udine ed alle botteghe. La guida poi passa a Giovanni, che attraversò ben due guerre alla fine delle quali i commerci ebbero, come sappiamo, una veloce accelerazione, mentre si affermava l’enologia, dando ai vini una qualità fino ad allora  sconosciuta. Sarebbe stato Manlio, figlio di Giovanni, a cogliere quei primi segnali di forte cambiamento, quasi anticipandoli. Fu tra i primissimi a portare i vini friulani nel mondo. Nel 1966, trasferisce le cantine a Corno di Rosazzo, dove acquista il castello Zucco-Cuccanea (1560). Fu un antesignano nel credere al Pinot grigio vinificato in bianco (era il 1969) e nel 1971 crea Il Grigio, spumante che fece tendenza, al quale poi si aggiunse la Ribolla Gialla brut. Oggi la Collavini è una Srl “familiare” che vede, accanto a Manlio, i figli Giovanni, Luigi ed Eugenio.

Recensioni clienti

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Informazioni sul produttore: Eugenio Collavini

La storia dei Collavini inizia a Rivignano nel 1896. Eugenio, il fondatore, forniva vini alle famiglie nobili di Udine ed alle botteghe. La guida poi passa a Giovanni, che attraversò ben due guerre alla fine delle quali i commerci ebbero, come sappiamo, una veloce accelerazione, mentre si affermava l’enologia, dando ai vini una qualità fino ad allora  sconosciuta. Sarebbe stato Manlio, figlio di Giovanni, a cogliere quei primi segnali di forte cambiamento, quasi anticipandoli. Fu tra i primissimi a portare i vini friulani nel mondo. Nel 1966, trasferisce le cantine a Corno di... Continua a leggere

Accetta

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Leggi di più.