Paleo Bianco 2018 - Le Macchiole - Toscana Rosso IGT

Paleo Bianco 2018 - Le Macchiole - Toscana Rosso IGT Espandi

Annata
2018

Nazione
Italia

Alcol
13%

Tipologia
Bianco fermo

Formato
75cl

Paleo Bianco 2018 - Le Macchiole - Toscana Rosso IGT

Nuovo

Azienda: Le Macchiole

Le Macchiole non produce solo grandi rossi; infatti, l'alter ego di Paleo è il Paleo Bianco nato dal 1991. Viene prodotto in quantità estremamente ridotte, fatto con Chardonnay e un po 'di Sauvignon Blanc. Il suo forte carattere mediterraneo vanta intensità, sapore e profondità di parti uguali. Questo è un vino che sorprende, soprattutto in termini di capacità di invecchiamento. 

Maggiori dettagli

6 Articoli

54,00 €

tasse incl.

Premi e riconoscimenti

Caratteristiche

Annata2018
NazioneItalia
ProvenienzaToscana
Alcol13%
DenominazioneToscana IGT
Vitigno80% Chardonnay, 20% Sauvignon Blanc
TipologiaBianco fermo
Formato75cl

Dettagli

Giallo paglierino, al naso sentori di frutta gialla, camomilla, miele, agrumi, erbe aromatiche e mandorle. Denso al palato, avvolgente, fresco e sapido.

Scheda tecnica

Annata2018
NazioneItalia
ProvenienzaToscana
Alcol13%
DenominazioneToscana IGT
Vitigno80% Chardonnay, 20% Sauvignon Blanc
TipologiaBianco fermo
Formato75cl

Brand

Le Macchiole nasce a Bolgheri nel 1983, quando il posto era ancora semplicemente un luogo di villeggiatura ai confini del tempo, tra borghi, ulivi, vigneti e uno splendido mare. Tra le prime aziende che ha creduto nel territorio di Bolgheri, nelle potenzialità di vini monovarietali, e nei vigneti biologici in queste zone non tradizionalmente vocate a una viticoltura naturale, l’azienda è oggi un brand di portata internazionale, guidata da Cinzia Merli, che ha fondato l’impresa con il marito Eugenio Campolmi, prematuramente scomparso. Nel 1987 vengono prodotte le prime bottiglie, ma saranno gli anni ’90 a rivelarsi decisivi per la definizione dell’azienda. In quel periodo i proprietari acquisiscono una maggiore consapevolezza del territorio a disposizione, con l’introduzione di impianti ad alta densità e soprattutto con la decisione innovativa e rischiosa di produrre vini monovarietali. I circa 24 ettari di proprietà si dispongo a semicerchio, come a emulare un anfiteatro, e sono condotti in maniera impeccabile e meticolosa. La viticoltura, infatti, è il punto fermo da cui tutto ha avuto inizio, attraverso importanti investimenti per la ricerca in vigneto, con lo scopo di esprimere al meglio questo grande territorio nei vini prodotti. Nei vigneti spazio a syrah, cabernet franc e merlot, che trovano l’esaltazione in cantina attraverso vinificazioni in purezza. Parliamo di uve capaci di dare vita a vini celebri, che hanno conquistato gli appassionati e la critica internazionale come lo “Scrio”, il “Paleo Rosso” e il “Messorio”, tutti a denominazione Toscana IGT. In fase di vinificazione e affinamento le attenzioni sono massime, e ad ogni processo produttivo sono riservate le cure più meticolose. Nascono così etichette dal fascino straordinario, che sanno sfidare il trascorrere degli anni come poche altre riescono a fare. Vini originali e dotati di una personalità fuori dall’ordinario, profumati, ricchi e complessi, in grado come pochi di esaltare le caratteristiche del “terroir bolgherese”, dimostrandosi puntualmente, stagione dopo stagione, dei fuoriclasse indiscussi.

Recensioni clienti

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Paleo Bianco 2018 - Le Macchiole - Toscana Rosso IGT

Paleo Bianco 2018 - Le Macchiole - Toscana Rosso IGT

Informazioni sul produttore: Le Macchiole

Le Macchiole nasce a Bolgheri nel 1983, quando il posto era ancora semplicemente un luogo di villeggiatura ai confini del tempo, tra borghi, ulivi, vigneti e uno splendido mare. Tra le prime aziende che ha creduto nel territorio di Bolgheri, nelle potenzialità di vini monovarietali, e nei vigneti biologici in queste zone non tradizionalmente vocate a una viticoltura naturale, l’azienda è oggi un brand di portata internazionale, guidata da Cinzia Merli, che ha fondato l’impresa con il marito Eugenio Campolmi, prematuramente scomparso. Nel 1987 vengono prodotte le prime bottiglie, ma... Continua a leggere

Accetta

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Leggi di più.