Ornellaia Bianco 2016 Magnum - Tenuta dell'Ornellaia - Toscana IGT (cassetta legno)

Ornellaia Bianco 2016 - Tenuta dell'Ornellaia - Bolgheri DOC Superiore (cassetta legno) Espandi

Annata
2016

Nazione
Italia

Alcol
13%

Tipologia
Bianco fermo

Formato
1,5l

Ornellaia Bianco 2016 Magnum - Tenuta dell'Ornellaia - Toscana IGT (cassetta legno)

Nuovo

Il desiderio di esprimere le eccezionali qualità della tenuta è stato fin dal principio alla base della filosofia di Ornellaia. Ornellaia Bianco è un blend a maggioranza di Sauvignon Blanc, frutto di tre piccoli vigneti che hanno dimostrato la loro straordinaria capacità di esprimere il carattere unico di Ornellaia.

1 Articolo

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

430,00 €

tasse incl.

Premi e riconoscimenti

James Suckling 99/100

Caratteristiche

Annata2016
NazioneItalia
ProvenienzaToscana
Alcol13%
DenominazioneToscana IGT
Vitigno74% Sauvignon - 13% Viogner 13% - Petit Manseng
TipologiaBianco fermo
Formato1,5l

Scheda tecnica

Annata2016
NazioneItalia
ProvenienzaToscana
Alcol13%
DenominazioneToscana IGT
Vitigno74% Sauvignon - 13% Viogner 13% - Petit Manseng
TipologiaBianco fermo
Formato1,5l
James Suckling99/100

Brand

Fu nel 1981 che il marchese Lodovico Antinori, cugino di Piero Antinori, fondò la Tenuta dell'Ornellaia, nel cuore dell’areale di Bolgheri, a pochi chilometri dalla costa mediterranea. Con la prima vendemmia del 1985 nacque così quello che diventerà un'icona tra i SuperTuscan: l'“Ornellaia”, messo in commercio tre anni dopo, nel 1988. Con l'inaugurazione dell’azienda, l'enologo di fama mondiale, Michel Rolland, inizia a occuparsi della parte tecnica di cantina. Successivamente, negli anni ‘90 nascono le altre due etichette: "Le Volte" e "Le Serre Nuove". Agli inizi del 2000, Robert Mondavi, il grande produttore californiano, acquisisce la Tenuta, cedendone poi il 50% alla Marchesi de' Frescobaldi, che acquisterà l'altro 50% solo tre anni più tardi. La fine degli anni 2000 vede anche la nascita dell'etichetta "Poggio alle Gazze", che sarà seguito dal selezionatissimo vino da vendemmia tardiva "Ornus", ottenuto da uve di petit manseng lavorate in purezza. Una cantina mitica, quindi, alla quale va il merito di aver scritto la storia di Bolgheri. Con quasi cento ettari vitati, ai quali se ne aggiungono altri tredici in affitto, alla Tenuta dell’Ornellaia ci si focalizza da sempre su un solo e unico obiettivo: la qualità. Tutte le decisioni, tutte le scelte, tengono conto di ogni minimo e più piccolo dettaglio, e dalla vigna all’imbottigliamento finale, non sono ammesse scorciatoie. Durante la vendemmia, vengono selezionati e raccolti solamente i grappoli più pregiati ed equilibrati, successivamente in cantina lavorati in maniera separata, in base al cru di provenienza. Poi un anno di riposo in botte, e a seguire la composizione del blend: tutto è volto a esaltare ogni più piccola sfumatura del terroir, e a valorizzare l’espressione di ogni singola annata, sempre nel rispetto della continuità di quello che può essere considerato lo “stile Ornellaia”, sinonimo di esperienza, competenza e determinazione, che al calice si traducono in complessità ed eleganza difficilmente eguagliabili.

Recensioni clienti

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Ornellaia Bianco 2016 Magnum - Tenuta dell'Ornellaia - Toscana IGT (cassetta legno)

Ornellaia Bianco 2016 Magnum - Tenuta dell'Ornellaia - Toscana IGT (cassetta legno)

Informazioni sul produttore: Tenuta dell'Ornellaia

Fu nel 1981 che il marchese Lodovico Antinori, cugino di Piero Antinori, fondò la Tenuta dell'Ornellaia, nel cuore dell’areale di Bolgheri, a pochi chilometri dalla costa mediterranea. Con la prima vendemmia del 1985 nacque così quello che diventerà un'icona tra i SuperTuscan: l'“Ornellaia”, messo in commercio tre anni dopo, nel 1988. Con l'inaugurazione dell’azienda, l'enologo di fama mondiale, Michel Rolland, inizia a occuparsi della parte tecnica di cantina. Successivamente, negli anni ‘90 nascono le altre due etichette: "Le Volte" e "Le Serre Nuove". Agli inizi del 2000, Robert... Continua a leggere

Accetta

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Leggi di più.